MUSEI ALL’ARIA APERTA – Loacker

MUSEI ALL’ARIA APERTA

Lo Stivale ha tante meraviglie che vale la pena scoprire. Tra queste, ci sono i musei all’aria aperta. Vere e proprie gioie per gli occhi che ti consigliamo di non perdere.

 

Mostruosamente bello.

A Bomarzo, in provincia di Viterbo, si nascondono creature fantastiche. In origine, il luogo dove risiedono, era chiamato il Sacro Bosco. Oggi è conosciuto da tutti come il Parco dei Mostri. Nel 1547, il principe Peri Francesco Orsini lo commissionò all’architetto Pirro Logorio, maestro visionario e fuori dagli schemi. Il risultato fu straordinario, un’oasi magica dove convivono statue enigmatiche e dal grande fascino. Ancora oggi, nessuno conosce davvero il loro significato.

Molti letterati e filosofi hanno provato a dare un’interpretazione alle rappresentazioni, senza mai arrivare alla verità. Alcuni mostri sacri dell’arte come Salvador Dalì e del cinema come Lina Wertmuller si sono lasciati ispirare dagli abitanti di questo parco.
Fallo anche tu, imbattiti nel loro sguardo fiero mentre passeggi e divertiti a scherzare con la tua fantasia.

 

Giocati le tue carte nel Giardino dei Tarocchi.

Il Parco di Bomarzo è stato fonte d’ispirazione anche per l’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle. A Pescia Fiorentina, una frazione della grossetana Capalbio, si trova il Giardino dei Tarocchi. Ci sono 22 statue dedicate alle celebri carte, disposte ai piedi della collina di Garavicchio.

Tra queste, c’è quella dell’Imperatrice. Una scultura imponente che Niki de Saint Phalle usò come appartamento nel periodo in cui stava realizzando le sue opere.

Girando tra i tarocchi, il futuro dice che è tempo di una pausa e che devi condividerla con un cavallo di battaglia Loacker.

Di chi parliamo? Loacker Classic Napolitaner, il gusto che mette d’accordo tutti.

 

 

Le nocciole rigorosamente italiane diventano due strati di deliziosa crema a cui nessuno può resistere. Le tre sottili e fragranti cialde ne esaltano la bontà come nessun altro sa fare. Per il tuo tour tra i musei all’aria aperta, ti consigliamo i formati da 175g e 45gx5. Quello più grande è adatto alle condivisioni in famiglia, il secondo si presta anche alle giornate di sport e alle fughe improvvisate. Sono pratici e compatti, meglio di così?

 

Il Chianti popolato da sculture.

Il Parco Sculture del Chianti ha di per sé uno scenario mozzafiato, dove l’incanto della natura parla da sola. Oltre a questo, puoi perderti tra opere spettacolari che provengono da più di 26 Paesi al mondo. Gli artisti si sono ispirati al contesto e hanno dato libero sfogo al loro estro.
Ogni opera diventa parte integrante dell’ambiente che convive armoniosamente con ciò che la circonda.

 

Se hai mai pensato che i musei fossero noiosi, prova quelli all’aria aperta per ricrederti.

 

  • Condividi