Confidenze su Firenze – Loacker

Inizia il nostro viaggio nell’Italia Segreta. La prima tappa è nel capoluogo toscano, dove ti sveliamo tre curiosità che in pochi conoscono. A condurti da loro c’è…

Girare e scovare

La città del Rinascimento per eccellenza ama condividere le sue bellezze artistiche con le migliaia di turisti che percorrono le sue vie notte e giorno. Tuttavia, agli occhi di molti sfuggono dei segreti che Firenze nasconde gelosamente. Meraviglie dell’Italia che abbiamo il piacere di farti scoprire insieme a una guida dalla dolcezza delicata: Loacker Gran Pasticceria Tortina. Riponila nello zaino e portala con te mentre giri tra queste particolarità.

L’importuno di Michelangelo

Palazzo Vecchio è di per sé un’attrazione senza eguali, ma devi sapere che sulla parete destra del suo ingresso c’è un basso rilievo con intagliato il profilo di un uomo. A quanto pare, l’opera è attribuita addirittura al maestro Michelangelo Buonarroti. Una delle leggende narra che l’abbia scolpita durante un comizio, mentre era immerso nei suoi pensieri e con le braccia dietro la schiena. Se passi di lì, sai a chi volgere lo sguardo.

Il busto nella roccia

Lungo Via de’ Cerretani c’è una Chiesa. Sul lato, in alto, c’è un volto che si fa largo tra i mattoni della parete. I fiorentini la conoscono come la signora Berta, ma il motivo per cui è lì non è mai stato chiarito e ha lasciato spazio alle leggende.

C’è chi sostiene che era una fruttivendola che decise di donare tutto ciò che aveva a Santa Maria Maggiore perché si realizzasse una campana che avvisasse i mercanti dell’apertura e della chiusura delle porte cittadine. Come segno di riconoscenza, i fiorentini decisero di dedicarle un busto sulla facciata della chiesa.

Un’altra leggenda narra della maledizione che l’astrologo Cecco d’Ascoli lanciò alla signora Berta. L’uomo era stato condannato al rogo per eresia e in punto di morte chiese dell’acqua. La donna, che assisteva all’esecuzione dalla sua casa, gridò a tutti di lasciarlo a bocca asciutta perché peccatore. A quel punto, Cecco d’Ascoli lanciò la sua maledizione: la donna non avrebbe più tolto il capo da dov’era in quel momento.

A quale storia credi? Nel dubbio, hai la certezza che la bontà di Loacker Gran Pasticceria Tortina è tutta vera. Quale porteresti con te alla scoperta dei segreti di Firenze?

  • Original, prelibato cioccolato al latte e nocciole italiane tostate in casa Loacker;
  • Dark Hazelnut, una copertura di intenso cioccolato fondente e un cuore di crema alla nocciola.
  • White, il delicatissimo cioccolato bianco avvolge la fine crema alla nocciola.
  • Triple Dark, tutta la golosità della crema al cacao e del cioccolato fondente (60%). Le cialde? Scure, fragranti e leggere.

Dopo la pausa, si va da una finestrella misteriosa.

La finestra sempre aperta

A Palazzo Grifoni, sul lato opposto della Basilica di piazza Santissima Annunziata, c’è una storia d’amore che in pochi conoscono. In alto a destra, c’è una finestrella sempre socchiusa che racconta dell’attesa di un ritorno. Un esponente della famiglia Grifoni si sposò con una bellissima fanciulla e andarono a vivere in questo Palazzo. Pochi mesi dopo, il giovane fu chiamato alle armi. La donna aspettava alla finestra il ritorno del marito notte e giorno, ma la sua attesa restò vana. Quando la fanciulla morì, venne dato l’ordine di chiudere tutti gli scuri del Palazzo, ma la stanza dove la sposa attendeva il suo amore prese vita. I quadri, i mobili e i lampadari non smisero di sussultare fino a quando la finestra non fu riaperta.

Da allora, nessuno provò più a chiuderla.

A presto!

Vota l'articolo